Riccione, Capitale Estiva 40 Anni Radio. Sognando Vasco, una Non stop di 96 ore

Correva l’anno 1976 e alcune radio private (pirata) già trasmettevano, il dj stava al mixer con i dischi in vinile, microfono, cuffia Schennheiser in testa, un collaboratore era  alla finestra di sentinella per verificare l’eventuale arrivo della Polizia.
E quanto avveniva in via Locatelli a Milano a Radio Milano International 101 non si discosta molto da quanto capitava a Bologna a Radio Alice, a Zocca in provincia di Modena all’allora disc jockey Vasco Rossi e ad altre 150 emittenti sparse nel paese che, trasmettendo, avevano di fatto rotto il monopolio Rai.
Ma mercoledì 28 luglio 1976 la Corte Costituzionale (sentenza n.202) limitava il monopolio pubblico della RAI via etere e consentiva l’installazione e l’esercizio d’impianti di diffusione radiotelevisiva, ma in “ambito locale”.
Finalmente una legge incoraggiava altri ad aggiungersi e a riempire la banda FM dagli 88 ai 108; dopo i 104 molti apparecchi non si spingevano, ma questo non ha fermato a Milano e Forlì le due radio omonime, Studio 105, modulando fuori banda per poi stabilirsi sui 96 e 99.
Per questo motivo Elio Crociani, rimasto profondamente colpito allora (come il Blasco) da quella che viene spesso ricordata come la Prima Radio, One-O-one, presenta, 40 anni dopo, a Riccione, al Gran Hotel, dal patron Gianni Andreatta celebre anche per il Club Dei 99 (ex Cocoricò), presso il Ristorante Pellegrino Artusi con menu ad hoc e ospiti nazionali e locali, l’evento che già spopola su Facebook al nome e cognome: Quarantanni Dellaradio.
Erano tutte radio locali, solo dopo qualche anno nascevano i primi network ed ecco  che le “105” diventavano “di Milano” o ” di Forlì”, Leonardo Re Cecconi, in arte Leopardo, si scopriva essere l’autentico nei confronti di un bravissimo dj di Radio Padova da cui aveva preso il romagnolo Gabriele Aldini (entrambi usavano il suo stesso jingle…), c’era pure un Gerry a Forlì che si ispirava all’insuperabile Scotti dell’attuale Tv.
In questo sodalizio fra Milano e la Romagna, dopo il pellegrinaggio verso nord dei romagnoli, col tempo sembra che la tendenza si sia invertita, eccezion fatta per Andrea Pezzi, ravennate di Alfonsine che ha fatto il suo periodo a DeeJay; da qualche anno i vari Massimo Carpani, Linus, hanno fatto esattamente l’opposto verso Forlì e Riccione…
Ecco perché Riccione “Capitale estiva della Radio”.

Inoltre giovedì 28 luglio alle ore 10 sui 96.25 mhz partirà la “non stop” della durata di 96 ore, trasmessa in diretta su Radio Milano Tv e su tante altre emittenti, collegate grazie allo streaming su radiomilanotv.com,  con i fatidici Top, Dj e Speaker che, con il loro contributo, potranno dire: “io c’ero” dalle varie postazioni a Riccione..

 

 

 

Leave a Reply